Stelle filanti, coriandoli e chiacchiere per Carnevale

2

Oggi è Giovedì Grasso e comincia ufficialmente il carnevale che avrà il suo culmine Martedì, ufficialmente da oggi si comincia a friggere: chiacchiere, bomboloni, zeppole, crespelle, frittelle, castagnole, spinci, frappe , bugie e frittelle di mele, credo che il carnevale sia la festa della frittura, anche se a me non piace friggere per via della puzza che invade tutto anche se apri finestre e cappa e sigilli la cucina ermeticamente.

Quest’anno mi sono dedicata alle chiacchiere, a parte quelle tradizionali, ho provato questa ricetta che si adatta ad essere colorata ed a dare delle forme particolari, come stelle filanti e coriandoli, che devono resistere alla cottura. Si ottengono delle chiacchiere con poche bollicine, ma buonissime, se aumentate la quantità e la gradazione di liquore aumentano pure le bolle.

Ricetta per fare le chiacchiere:

400 g di farina
3 uova
50 g di zucchero
50 g di burro fuso
1/2 bicchierino di liquore
(vin santo, vino bianco, marsala, grappa)
1 pizzico di sale
zucchero a velo
scorza di 1/2 limone grattugiata (oppure aroma di vaniglia)
olio di semi q.b.

Mescolare le uova con lo zucchero, aggiungere il burro fuso, la scorza, il liquore quindi la farina e il pizzico di sale fino ad ottenere un impasto abbastanza elastico.
Stendere la pasta per ottenere una sfoglia sottile e tagliare dei rettangoli con un tagliapasta rigato.
Friggere in olio di semi caldo, asciugare su carta assorbente e spolverare di zucchero a velo.

Per fare le stelle filanti basta prendere una parte della pasta e colorarla con i colori alimentari, purtroppo io ho usato dei colori liquidi che ho trovato al supermercato sotto casa ed il risultato non è stato dei migliori, ma usando dei colori decenti in polvere si ottengono eccellenti risultati, poi si creano delle striscioline che vengono avvolte nei cilindri per fare i cannoli e si friggono come normali chiacchiere.
Con la pasta colorata si possono fare anche dei simpatici coriandoli semplicemente dandogli una forma rotonda.
L’effetto è davvero molto allegro.


Condividi articolo

Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

2 commenti

    • Galatea

      Si Ambra ti sbagli,anch’io lo pensavo, invece sono rimasta colpita dalla facilità, ne parlavo proprio oggi pomeriggio con un’amica che mi ha chiesto la stessa cosa, la pasta si fa velocemente, si taglia facilmente e si cuociono in pochissimo tempo, in1 ora ho fatto tutto.

Scrivi un commento