Dado vegetale

0

Quante volte ci siamo chiesti quali schifezze contengano i dadi comprati, girovagando su internet ho trovato queste ricette molto interessanti per fare il dado vegetale in casa.

 

 

 

Ricetta per fare il dado in casa:

500 g di cipolle
500 g di carote
200 g di sedano
200 g di fagiolini
200 g di prezzemolo
200 g di pomodori
200 g di zucchine
500 g di sale grosso
qualche cucchiaio di olio

Lavare bene le verdure, asciugare, tritare finemente e mettere in una pentola, versate sopra il sale e l’olio.
Cuocere per circa un ora e mezza, senza aggiungere acqua, il sale tirerà fuori parecchia acqua dalle verdure che dovrà poi assorbirsi con la cottura.
A cottura ultimata invasare il composto ancora caldo in barattoli di vetro sterilizzati e se volete aggiungete ancora un filo d’olio d’oliva.

Questo dado si conserva per tantissimo senza bisogno di metterlo in frigo, il sale fa da conservante, tranne naturalmente quando lo aprite, per questo consiglio barattoli molto piccoli.
Quando lo usate ricordatevi di non aggiungere altro sale.

Seconda ricetta per fare il dato vegetale in casa:

per circa 250 grammi di dado
150 g di sedano
150 g di carote
50 gdi cipolla
30 g pomodori
1 foglia di alloro
1 foglia di salvia
qualche rametto di rosmarino
qualche foglia di prezzemolo
150 gdi sale grosso
1/2 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva

Lavare tutte le verdure, farle asciugare e sminuzzarle per bene usando il mixer ad intermittenza in modo tale che la verdura non si ossidi.
Versare l’olio in una pentola grande e aggiungere tutte le verdure sminuzzate. Lasciare cuocere con il coperchio per circa 10 minuti.
Aggiungere tutto il sale grosso e lasciar cuocere, con coperchio, per circa 1 ora mescolando per evitare che si attacchi. Non aggiungere assolutamente acqua ma lasciare la pentola coperta in modo che il sale produca la giusta umidità che consente la cottura.
Versare la crema ottenuta in forno per un paio di ore a 70° (forno ventilato) e ogni volta che si forma la crosta sopra spaccarla con un cucchiaio e mescolare in modo che la purea si disidrati del tutto e in maniera omogenea. Questo passaggio potrebbe durare molto di più perché dipende dal forno, quindi seguitelo passo passo per evitare che si bruci tutto
Togliere dal forno, far raffreddare e passare al frullatore in modo da sminuzzare del tutto le briciole quindi sistemare in vasetti da conservare in frigorifero oppure nelle formine del ghiaccio da tenere in congelatore e utilizzare monodose.

Con queste dosi si ottiene un dado vegetale saporito il giusto ma non salato e soprattutto sano e naturale, la consistenza è simile al dado granulare per via della disidratazione ed è per questo che io preferisco conservarlo in frigo dentro le formine del ghiaccio, così da poterlo scompattare facilmente con le mani.
Se non si ha voglia di dado granulare non passarlo al forno, far raffreddare e mettere nei vasetti da conservare in frigo e in questo caso la consistenza è più tipo crema

La proporzione prevede che un cucchiaino di questo dado equivalga ad un cubetto di dado industriale, nel mio caso utilizzo davvero poco sale rispetto alle verdure ma volendo potete aumentare/raddoppiare le dosi di sale grosso per un sapore più forte e peculiare e se non mangiate del tutto sciapo.

Consigli: le verdure possono variare ma è bene non utilizzare mai vegetali che rilasciano acqua e si “spappolano” tipo per esempio il cavolo o anche la patata; i classici “odori” restano il must mentre salvia, rosmarino, alloro e prezzemolo freschi danno non solo sapore ma rilasciano anche una sorta di olio utile per la buona riuscita della ricetta.

Fonte: www.lacuochinasopraffina.com


Condividi articolo

Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

Scrivi un commento

Pin It on Pinterest

Share This