Lo stretto di Messina trema

7

Fortunatamente ero fuori città, ma l’ho sentita lo stesso la scossa di magnitudo 4.6 che questa notte alle ore 1.12 ha fatto sobbalzare di paura i cuori dei messinesi e dei calabbresi, si è fatta sentire anche in provincia fino a Catania e Cosenza. Il terremoto è avvenuto poco distante dalla costa, a meno di dieci chilometri, ma a grande profondita’ cica 45,4 chilometri, dai primi rilievi della Protezione civile non risultano al momento danni a persone o cose, solo tanta paura che ci accompagnerà per qualche tempo, sperando che finisca tutto qui.

Speriamo che  Colapesce sia solo un po’ stanco ed abbia solo cambiato spalla!


Condividi articolo

Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

7 commenti

  1. Avatar

    Per fortuna non ci sono danni e feriti. In questi mesi ci sono state moltissime scosse tra la Sicilia e la Calabria e soprattutto nella zona del Pollino.
    Saluti a presto.

  2. Avatar

    Immagino lo spavento. Io ero a Modena la prima notte del terremoto e so cosa si prova. Del resto l’ho sentito anche a Milano dopo qualche giorno, non fortissimo, ma di una durata infinita.

    • Galatea

      Carissima Ambra sono felice di ritrovarti, sei tornata dalle vacanze? Purtroppo il terremoto mette sempre tanta paura, ma dopo i disastrosi eventi degli ultimi anni ancora freschi nella nostra mente la paura è duplicata

      • Avatar

        Anch’io sono felice di ritrovarti. Sono tornata dalle vacanze, ma la prossima settimana sarò ancora assente da milano per 5 o 6 giorni. Questa volta vado in Toscana da mia figlia e dalle mie nipotine.

    • Galatea

      Ciao Adriana, hai ragione dovevo specificare e con piacere che ti racconto la leggenda di Colapesce : si narra di Nicola (Cola di Messina), figlio di un pescatore, fu soprannominato Colapesce per la sua abilità nel muoversi in acqua, il ragazzo vive sempre di più in mare e le rare volte che ritorna in terra racconta le meraviglie che vede. Diventa un bravo informatore per i marinai che gli chiedono notizie per evitare le burrasche ed anche un buon corriere visto che riesce a nuotare molto bene. Fu nominato palombaro dal capitano di Messina.

      La sua fama aumenta di giorno in giorno ed anche il Re di Sicilia Federico II lo vuole conoscere e sperimentarne le capacità. Il re e la sua corte si recarono pertanto al largo a bordo di un’imbarcazione e buttarono in acqua una coppa che venne subito recuperata da Colapesce,
      il re gettò allora la sua corona in un luogo più profondo e Colapesce riuscì nuovamente nell’impresa ed al suo ritorno raccontò al Re d’aver visto che la Sicilia poggia su tre colonne, una solidissima, la seconda danneggiata e la terza scricchiolante, quella posta proprio sotto la punta di Messina, allora il re chiese aiuto al ragazzo per risolvere questo problema e gettò un anello in un posto ancora più profondo, Colapesce è titubante, ma decide ugualmente di buttarsi in acqua dicendo alle persone che avessero visto risalire a galla l’anello, lui non sarebbe più risalito. Dopo diversi giorni l’anello risalì a galla ma non il ragazzo, Colapesce era rimasto in fondo al mare per sostenere la colonna corrosa, da allora sorregge quel lato della Sicilia impedendo che sprofondi nelle acque.

      E quando la terra trema, specialmente per tranquillizzare i bambini noi diciamo che:
      Colapesce, ogni tanto può subire improvvisi attacchi di manciaciume (prurito) ed abbia sentito il bisogno di grattarsi in qualche parte del corpo.
      Oppure Colapesce è un po’ stanco ed abbia dovuto cambiare la spalla che sorregge la colonna.

Scrivi un commento