Budino di panettone: Speciale San Biagio

1

Oggi è San Biagio ed a parte fare gli auguri a mio fratello, ho saputo che secondo una  tradizione milanese oggi si mangia il panettone, quello rimasto dalle feste, quelli che si vendono a poco prezzo chiamati appunto panettoni di San Biagio.

San Biagio era un medico armeno, vissuto nel III secolo d.C. e si narra che compì un miracolo quando una madre disperata gli portò il figlio morente per una lisca conficcata in gola. San Biagio gli diede una grossa mollica di pane che, scendendo in gola, rimosse la lisca salvando il ragazzo. Inutile aggiungere che, dopo aver subito il martirio, Biagio venne fatto santo e dichiarato protettore della gola.

Il legame con la città di Milano, però, arrivò molto più tardi: una massaia prima di Natale portò a un frate un panettone perchè lo benedicesse. Essendo molto impegnato, il frate – che si chiamava Desiderio – le disse di lasciarglielo e passare nei giorni successivi a riprenderlo. Ma la donna se ne dimenticò e frate Desiderio, dopo averlo benedetto, iniziò a sbocconcellarlo finchè si accorse di averlo finito.
La donna si ripresentò a chiedere il suo panettone benedetto proprio il 3 febbraio, giorno di San Biagio: il frate si preparò a consegnarle l’involucro vuoto e a scusarsi, ma al momento di consegnarglielo si accorse che nell’involucro era comparso un panettone grosso il doppio rispetto all’originale.
Era stato un miracolo di San Biagio, che diede il via alla tradizione di portare un panettone avanzato a benedire ogni 3 febbraio e poi mangiarlo a colazione per proteggere la gola.

Ottima tradizione per smaltire i panettoni avanzati, l’idea di questa ricetta nasce da un mix tra la tradizione di San Biagio, tra il classico pudding di pane che fanno gli inglesi e la crema cotta che amo tantissimo.

Ricetta del budino di panettone:

1 panettone
100 gr circa di cioccolato fondente a pezzi o in gocce.

Per la crema da forno:
320 g di latte intero fresco
160 g di panna fresca
240 g di zucchero semolato
145 g di uova tuorlo (circa 7 tuorli)
30 g di fecola di patate
1 bacca di vaniglia Bourbon

Bollite il latte con la panna, nel frattempo montate i tuorli con lo zucchero dove poi unite la fecola.

Quando il latte bolle, unite il composto montato, frustate subito energicamente e portate a cottura, fino ad ottenere una crema pasticcera.

Tagliare a cubetti il panettone, che trasferiamo all’interno della tortiera (a piacere potete leggermente bagnare il panettone con del rum) e versiamo sopra il cioccolato.

Versiamo la crema ottenuta nella tortiera coprendo il panettone.
Inforniamo in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti circa.

 


Condividi articolo

Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

1 commento

  1. Essendo milanese, conoscevo la tradizione del panettone da mangiare a San Biagio e quella di Desiderio, ma non conoscevo la ricetta del budino di panettone. Non l’ho mai cucinato né assaggiato.

Scrivi un commento