Stephenie Meyer

0

Stephenie Morgan Meyer nasce ad Hartford in Connecticut nel 1973 da Steve e Candy Morgan.
Il suo nome insolito (Stephenie al posto di Stephanie) deriva dal nome di suo padre, Stephen, aggiungendo le due lettere “ie” per trasformarlo in un nome femminile.
Ha una famiglia molto numerosa: due sorelle, Emily e Haedi e tre fratelli Jacob, Paul e Seth. All’età di quattro anni si trasferisce a Phoenix, in Arizona.
Da adolescente frequenta il liceo a Scottsdale (Arizona, appunto), un luogo, afferma lei, in cui le ragazzine si fanno la plastica al naso e nel parcheggio della scuola si trovano per lo più delle Porsche.
Frequenta la Brigham Young University a Provo, in Utah, dove ottiene una laurea in letteratura inglese, ci tiene a sottolineare che il suo interesse si è sempre concentrato sulla letteratura più che sulla scrittura creativa, soprattutto perché ha sempre ritenuto leggere libri un “non lavoro”!
Oggi si ricorda di tutte le frasi ironiche che si dicevano a chi si laureava in Inglese, cui si prediceva un futuro nell’industria alimentare dei fast food e, da autrice di bestseller quale oggi è, rinvia una risata beffarda.
Ha conosciuto suo marito Pancho (il suo vero nome è Christian) quando aveva solo quattro anni: da bambini si vedevano ogni settimana in chiesa e una volta cresciuti si sono innamorati e sposati nel 1994.
Ora vivono insieme ai tre figli, Gabe, Seth, ed Eli.

Nella formazione letteraria di Stephenie gli autori che hanno avuto su di lei maggiore influenza sono stati, tra gli altri: Orson Scott Card, Jane Austen, William Shakespeare, Maeve Binchy, Charlotte Bronte, Daphne DuMaurier, L.M. Montgomery, Louisa May Alcott, Eva Ibbotson, William Goldman, Douglas Adams, Janet Evanovich. Ma oltre agli scrittori, un altra fondamentale fonte d’ispirazione è la musica, “non posso scrivere senza” dice Stephenie, e la musa preferita è il gruppo dei Muse. Oltre a loro, altre band molto amate sono i Linkin Park, My Chemical Romance, Coldplay, The All American Rejects, Travis, The Strokes, Brand New, U2, Kasabian, Jimmy Eat World, e i Weezer.

Stephenie Meyer pubblica tra il 2005 e il 2008 la Saga di Twilight, un ciclo di romanzi di genere fantasy, avventura, romantico ed è proprio il successo di questa saga a renderla famosa, forse grazie a lei è tornato di moda il genere vampiresco sia nella letteratura che al cinema.

twilight-8-f

Twilight saga 500La Saga di Twilight è composta da 4 romanzi:
2005 – Twilight
2006 – New Moon
2007 – Eclipse
2008 – Breaking Dawn
2010 – La breve seconda vita di Bree Tanner. Un episodio mai narrato di Eclipse.
2015 – Life and Death: Twilight Reimagined

2011 – Twilight – Guida ufficiale illustrata

Stephenie Meyer ha dichiarato che ci saranno anche più di quattro libri, solo che il narratore potrebbe cambiare, infatti i fan stanno attendendo con brama Midnight Sun, che se pubblicato, più che un seguito sarà il primo episodio (Twilight) raccontato dal punto di vista di Edward Cullen, ma a pochi mesi dalla pubblicazione, il manoscritto di Midnight Sun è stato diffuso in internet, senza il consenso dell’autrice; in seguito a questo fatto, la Meyer aveva deciso di non continuare la lavorazione del libro al momento e di rendere pubblico il lavoro raggiunto prima di prendere questa decisione, poi, al seguito di un grande numero di email dai lettori, l’autrice è tornata sui suoi passi e ha ripreso l’elaborazione del libro, la cui uscita, però, non è stata stabilita.I primi 12 capitoli possono essere letti in inglese sul sito dell’autrice.
La scrittrice sostiene che l’idea per la trama del libro Twilight le è venuta in sogno, la trascrizione del sogno è ora il Capitolo 13 del libro.

Altri libri :
2008 – L’ospite
2009 – Danze dall’inferno (raccolta di racconti di 5 scrittrici)
2016 – The chemist. La specialista


Condividi articolo

Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

Scrivi un commento