Michael Connelly – Il ragno

0

Il ragno è un romanzo poliziesco dello scrittore statunitense Michael Connelly pubblicato nel 1999, i libro è sesto della serie avente come protagonista il detective Harry Bosch ed è stato il vincitore del premio Bancarella 2000.

“Felice l’uomo che trova rifugio in se stesso.”

Nella cabina della funicolare di Los Angeles un uomo in un elegante abito grigio scuro giace faccia a terra, freddato da un colpo di pistola. È Howard Elias, importante avvocato di colore specializzato in diritti civili. I suoi clienti non si distinguono di certo per onestà e rettitudine, trattandosi perlopiù di farabutti o autentici criminali, ma Elias ha sposato una causa ben precisa: intentare azioni legali contro il Dipartimento di Polizia, facendo leva sul nervo scoperto del razzismo diffuso in città e sui metodi non sempre ortodossi usati dalle forze dell’ordine. Le sue invettive gli hanno procurato grande fama e, inevitabilmente, l’odio feroce di quasi tutti gli agenti.

Sullo sfondo di una Los Angeles sconvolta dalla difficile convivenza tra bianchi e neri, le indagini di un caso di cui nessuno vorrebbe occuparsi sono affidate al detective Harry Bosch, un uomo duro e tormentato, solitario per dovere e per necessità. Alle prese con un’umanità cinica ed egoista, è lui che deve scandagliare la vita privata di Elias, addentrarsi nei recessi più sordidi di Internet, alla ricerca di una giustizia “che vede soltanto il colore del sangue.”

Uno dei migliori della serie, un thriller che tiene incollati fino alla fine.

“La parola risuonò strana, quasi l’avesse pronunciata un altro. Nella propria voce Bosch avvertì un’ansia che non riconosceva. Il semplice pronto che aveva sussurrato al telefono era pieno di una speranza quasi straziante. Ma la voce che gli rispose non era quella che voleva sentire.
“Detective Bosch?”
Per un istante Bosch si sentì un idiota, chiedendosi se l’interlocutore avesse notato il tremolio della sua voce.
“Sono il tenente Micheal Tulin. Parlo con il detective Bosch?”
Quel nome sembrava non ricordargli nulla, e la momentanea preoccupazione per il tono della propria voce lasciò subito il posto a un brutto presentimento.
“Sì, sono Bosch. Cosa c’è? Cos’è successo?”
“Resti in linea. Il vicecapo Irving vuole parlarle.”
“Che cosa…”
L’interlocutore svanì con un clic e rimase solo il silenzio. Bosch ricordò finalmente chi era Tulin… l’aiutante di Irving. Rimase immobile in attesa e si guardò intorno nella cucina: soltanto la fievole luce del forno era accesa. Con una mano tenne il ricevitore premuto contro l’orecchio, posando istintivamente l’altra sullo stomaco, dove una vaga paura e un senso di nausea si stavano contorcendo. Osservò i numeri luminosi sull’orologio del forno. Erano quasi le due ed erano passati cinque minuti dall’ultima volta in cui li aveva guardati. “C’è qualcosa che non va” pensò mentre aspettava. “Non lo fanno per telefono. Di solito vengono a bussare alla tua porta e te lo dicono in faccia”.
Finalmente Irving sollevò il ricevitore dall’altro capo della linea…”


Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

Scrivi un commento

Pin It on Pinterest