I primi tre libri di ACCĒNTO, la casa editrice fondata da Alessandro Cattelan

0

i primi tre libri di ACCĒNTO, la casa editrice fondata da Alessandro CattelanACCĒNTO è la casa editrice indipendente fondata da Alessandro Cattelan, che ha come scopo quello di porre l’accento sugli esordienti, sui libri dimenticati e su quelli che non sono mai riusciti ad arrivare sugli scaffali italiani.

Alessandro Cattelan, conduttore televisivo e radiofonico italiano, non ha mai nascosto la sua passione per i libri, che oltre alla scrittura, è proprio un amante della lettura, infatti su Instagram spesso consiglia libri.

Le collane previste al momento sono tre: 
Accento Acuto, la collana principale dedicata agli esordienti; Accento Grave, è quella dedicata ai recuperi ed alle riscoperte. E’ “grave” che manchino nelle librerie; Dieresi, che comprende titoli di saggistica dedicati su vari argomenti. Per le copertine di “Accento acuto” saranno sempre scelte delle fotografie, per quelle di “Accento grave” dei collage. Per il momento è prevista l’uscita di otto libri all’anno.

La direzione editoriale è stata affidata a Matteo B. Bianchi, scrittore e autore televisivo; Eleonora Daniel è la caporedattrice e editor; Ludovica Sauer  è la social media manager;  Cecilia Bianchini e Giovanni Cavalleri Sono i grafici; l’Ufficio stampa è affidato a Roberta De Marchis.

Potete trovare la casa editrice milanese sul sito Accentoedizioni e potete seguirla sul profilo Instagram @accentoedizioni

Andiamo a conoscere in dettaglio i primi tre libri di ACCĒNTO, la casa editrice fondata da Alessandro Cattelan, che trovate in libreria dal 26 ottobre 2022.

I primi tre libri pubblicati da ACCĒNTO

 

Senza respiro di Raffaella MontanaSenza respiro di Raffaella Montana.
Ci sono eventi che non puoi controllare e che, all’improvviso, possono sconvolgerti la vita, lasciandoti senza fiato. È quello che accade a Cecilia, una giovane donna che si trova ad affrontare la malattia della madre e ad assisterla nel suo calvario ospedaliero. Un percorso regolato da precise leggi di sterilità: mettere la mascherina, infilare i calzari, disinfettarsi le mani, evitare la contaminazione. Quando tutto ciò finisce Cecilia intuisce, in maniera quasi casuale, che lei stessa ha bisogno di altre regole, ed è il suo corpo che glielo richiede. Comincia così un percorso di esplorazione sessuale che è anche la scoperta di una comunità, quella BDSM, dove vigono parametri precisi (richieste di gioco, limiti da travalicare, safeword) e nuovi strumenti (frustini, corde, collari). ACQUISTA

Tutto ciò che poteva rompersi di David ValentiniTutto ciò che poteva rompersi di David Valentini.
Ludovica deve andare lontano per emanciparsi dalla sua famiglia, Sara cerca di fare i conti col passato attraverso la terapia, Riccardo si ritrova isolato in una casa disabitata ma sceglie comunque di restarci, Filippo sente di aver perso la bussola della propria vita, Laura si concede rapporti casuali per ripicca verso l’unico uomo che ama…
Attraverso queste storie, nelle quali i protagonisti si incontrano, si sfiorano e si ritrovano ogni volta in modi differenti, David Valentini dipinge una generazione intera, e forse più d’una. Le esperienze all’estero, l’amore e il sesso (persino quello più inconcepibile: l’incesto), il desiderio di avere una casa un lavoro una famiglia, le amicizie, le delusioni, i tradimenti, il tentativo di costruirsi una vita e un futuro in un mondo che l’imprevedibile scoppio di una pandemia ha reso ancora più incerto. ACQUISTA

Manuale di caccia e pesca per ragazze di Melissa BankManuale di caccia e pesca per ragazze di Melissa Bank.
Come conoscere e sposare l’uomo giusto: è questo il titolo del «terribile» manuale a cui Jane Rosenal si affida per conquistare Robert. Se l’avessero detto alla Jane tredicenne, «esperta nell’arte della mortificazione», non ci avrebbe potuto credere. A dirla tutta anche la Jane adulta non sembra convintissima del libro: semplicemente, non può fare altro che seguirlo. Persino quando, proprio lei che è la regina della battuta pronta e dei giochi di parole, si ritrova a leggere che «il senso dell’umorismo non è femminile». Ma è proprio così? E la conquista ha davvero a che fare con ami e lenze? Scritto nel corso di dodici anni, “Manuale di caccia e pesca per ragazze” ha segnato il debutto folgorante di Melissa Bank nel 1999. Il suo successo commerciale, però, ha spinto la critica ad archiviare l’autrice come esponente della chick-lit alla Bridget Jones e a non attribuirle il valore letterario che meritava, come ricorda Paolo Cognetti nella sua prefazione.
A oltre vent’anni di distanza, è il momento di riconoscere a Melissa Bank le sue doti di grande narratrice, divertente e sensibile, ormai collocata accanto a nomi quali John Cheever e Lorrie Moore. Perché questo romanzo non è solo una storia d’amore e la sua protagonista ironica e spigliata non è solo una donna a caccia dell’uomo perfetto. Ciò che lega la Jane adolescente alla Jane matura, capitolo dopo capitolo, è ciò che nasconde forse il cuore più profondo di questo romanzo: Jane è sorella, figlia, fidanzata e amica; come tutti fa i conti con il dolore, lo spaesamento e la solitudine. E, soprattutto, con un’immensa domanda: come si costruisce l’amore? ACQUISTA

Le copertine dei tre libri sono state realizzate dallo studio grafico Paper Paper. L’elemento che le accomuna è il nome della casa editrice in rilievo, in basso.


Autore

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

                 

Scrivi un commento

Pin It on Pinterest