Agnes Kašpárková, la nonna che colora il mondo

0

tumblr_ng8q9aXFgD1r2sszso8_r1_1280Nel villaggio di Louka, Repubblica Ceca, c’è una nonnina di 87 anni, Agnes Kašpárková, che decora i muri del suo villaggio e ci insegna che l’età non ha limiti, soprattutto quando si fa ciò che ci piace, come lei stessa confessa: “Faccio soltanto quello che mi piace. Cerco di contribuire a decorare un po’ il mondo.”

Questa signora dopo la pensione, per più di 30 anni, ha dipinto le facciate delle case secondo le decorazioni floreali tradizionali di quei luoghi, ha imparato l’arte del disegno da un’anziana del paese e quando quest’ultima è morta, ha deciso di proseguirne opera.
Le mani tremano, mal di schiena e poca vista, ma lei non si ferma “vuole solo rendere il mondo un posto migliore”.
Nel corso dei decenni è riuscita a disegnare quasi tutte le case del quartiere, ogni splendida opera è stata creata investendo parte della sua anima.
Sfortunatamente, a causa della sua età, non può lavorare ogni giorno, ma ogni primavera ritorna a praticare la sua attività preferita, con stupore del vicinato.
Nonostante la magra pensione, compra solo vernice di alta qualità e garantisce che per due anni saranno perfetti.

Questo tipo di arte è molto diffuso nel paesino Zalipie, immerso nel sud-est della Polonia, dove da oltre un secolo le donne del villaggio dipingono le loro case con motivi floreali vivaci, ma non solo le pareti esterne, pure porte, finestre, tetti e persino il tetto, l’intero villaggio è un tripudio di colori.
Non è chiaro quando la tradizione sia iniziata esattamente. La leggenda locale dice che questa tradizione proviene da un periodo in cui il fumo da stufe creava delle macchie nei soffitti e le donne hanno cercato di imbiancare i muri e coprire le piccole macchie di fuliggine, ma non ha funzionato, così hanno provato a coprirli con quadri di fiori, si racconta che non avendo attrezzature professionali per dipingere hanno prodotto i pennelli utilizzando le code delle loro mucche. Dopo la festa del Corpus Domini, quando non erano così impegnate con il loro lavoro nei campi le donne ridisegnavano i loro disegni.
Oggi usano dipingere di fiori su qualsiasi cosa ed il villaggio Zalipie è considerato uno dei borghi più pittoreschi della Polonia.


Condividi articolo

Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

Scrivi un commento