La classifica dei libri più venduti – 16 Aprile 2012

0

Primavera: tempo di viaggiare. Pioggia permettendo, sarebbe questa la stagione migliore per dedicarsi a visite più o meno culturali, senza incorrere nel fastidio del caldo esagerato dell’estate.

Molte sono le case editrici che si occupano di questo settore, offrendo guide dettagliate a prezzi adatti a tutte le tasche: muoversi è stata da sempre un’esigenza per l’uomo e l’idea di avere un supporto che aiutasse i viandanti ad evitare almeno di sbagliare strada e perdere tempo è antichissima. La prima cartina geografica della quale si ha notizia è contenuta nel papiro di Artemidoro, recentemente restaurato: risalirebbe al primo secolo a. C., ed offre una rappresentazione della Penisola Iberica, con particolare riguardo alla definizione dei confini tra Spagna e Portogallo. Non mancano i disegni delle mura di cinta delle varie città e l’indicazione esatta delle stazioni di posta, all’epoca indispensabili per ristorarsi e far riposare anche gli animali – solitamente cavalli, ma anche asini e muli – che erano il mezzo di trasporto con il quale il viaggio avveniva. A commento dell’opera, vi è riportato un brano di Artemidoro di Efeso, geografo vissuto tra il I e il II secolo a. C., che parla diffusamente delle terre lì disegnate.

Non doveva però essere facile portarsi dietro quello che è stato definito il padre di tutti gli atlanti e che ha tolto il primato alla Tavola Peutingeriana, più giovane di almeno 700 anni: questo papiro è lungo 2 metri e 50 e largo 32 centimetri, aprirlo e consultarlo deve essere stato almeno problematico. E’ senz’altro più facile la vita dei viaggiatori di oggi, ormai muniti di navigatori satellitari, anche se il costo della benzina e dei carburanti in genere diviene un forte deterrente alla voglia di muoversi che da sempre caratterizza gli italiani. Farlo con la fantasia, però, non costa niente: i libri oggi in classifica possono almeno garantirci questo, distraendoci dalle fatiche e dai problemi di ogni giorno.

Questa edizione della classifica risente, positivamente, gli effetti della Pasqua appena trascorsa: ben due sono le nuove entrate e si riaffaccia anche un libro che tanto successo ha riscosso tra i ragazzi.
Appaiono ben consolidate le prime tre posizioni.

1.
E’sempre in testa l’autobiografico Fai bei sogni di Massimo Gramellini.
Era un bambino, Massimo Gramellini, quando sua madre morì. Il dolore di questa perdita improvvisa, il senso di abbandono che ne scaturì, lo rese timoroso e spaventato anche solo all’idea di amare. La figura della mamma venne così da lui esaltata e resa perfetta, a scapito del padre, che sembra poco sensibile e quasi incapace di comprendere il suo dolore. Ma è solo apparenza: dopo quaranta anni, il ritrovamento di una lettera scardinerà certezze e false idee, donando una dimensione più umana anche a chi non c’è più e facendogli rivalutare chi, con la sua durezza, voleva solo proteggerlo.

2.
Francesco Guccini rimane secondo con Dizionario delle cose perdute, dedicato dedicato a tutto quello che ha fatto parte della vita comune della sua generazione, dalle abitudini agli oggetti di uso quotidiano che adesso non esistono più.

 

 

3.
Terzo si conferma La regina di Pomerania ed altre storie di Vigàta, raccolta di racconti di Andrea Camilleri.
Otto racconti differenti – ambientati in un arco temporale che va dal 1893 al 1950 – che si svolgono nell’immaginario paesino di Vigàta, destinato a far da palcoscenico ad una carrellata di personaggi divertenti, ironici ed a tratti perfino commoventi, con storie che riescono anche a far riflettere. Un libro godibilissimo da tutti ed impedibile per i numerosi estimatori dell’autore.

4.
Occupa ancora il quarto posto, Alessandro Baricco, con Tre volte all’alba. Una storia d’amore che i suoi protagonisti, illuminati dalla prima luce del mattino, dovranno decidere se proseguire o interrompere per ben tre volte.
Racconta la storia di un uomo ed una donna, destinati per ben tre volte a decidere se proseguire o sancire la fine della loro storia d’amore.
Chi ha letto Mr. Gwyn avrà una sensazione di déjà vu, davanti a questo titolo: è infatti lo stesso di un romanzo del quale si accenna nella trama del libro, che sarebbe stato scritto da uno scrittore angloindiano. Non esistevano, in realtà, né il volume né l’autore, ed allora Alessandro Baricco ha pensato che potesse essere un’ottima idea scriverlo sul serio, rendendolo però assolutamente autonomo dall’opera precedente. Qui, un uomo ed una donna si incontrano in tre momenti differenti della loro vita, ma la domanda è sempre la stessa: separarsi o tornare insieme? Ed è proprio la luce dell’alba, ad illuminare le loro decisioni.

5.
La prima nuova entrata è già in quinta posizione: giunta ormai al quinto capitolo, piace e appassiona la saga di Percy Jackson e gli Dei dell’Olimpo, che prosegue con Lo scontro finale. Lo scrittore americano Rick Riordan, trasporta i suoi giovani lettori – ma non solo – verso la lotta contro i Titani, ai quali Percy ed i suoi amici si sono preparati già da un anno. Il protagonista dovrà fare i conti anche con una funesta profezia che riguarda il suo sedicesimo compleanno: riuscirà a salvare il mondo e se stesso?

 

6.
Resta sesto Carlos Ruiz Zafòn, con le nuove avventure di Daniel Sempere raccontate in Il prigioniero del cielo.
Barcellona, 1957: è un inverno duro, quello che gli spagnoli devono affrontare. Purtroppo il momento della ripresa economica sembra lontano e i problemi che ne derivano sembrano aver rovinato anche l’atmosfera del Natale, che pure si avvicina. Nella libreria di Daniel Sempere entra un uomo, che acquista una pregevole edizione de Il Conte di Montecristo solo per scriverci una minacciosa dedica e poi riconsegnargli il volume, affinché lo faccia avere a Fermin, suo amico da tempo. Quale mistero si cela dietro questo strano gesto?

7.
Perde due posizioni e si piazza settimo La casa sopra i portici: Carlo Verdone, attore e regista considerato da molti l’erede artistico di Alberto Sordi, racconta la sua vita, senza omettere i momenti più bui, non accantonando però l’ironia che lo contraddistingue.

 

8.
E’ il gruppo musicale del momento: torme di ragazzine ne hanno sancito il successo canoro ed evidentemente ne vogliono conoscere tutti i segreti. Ecco così spiegato il successo del libro dedicato agli One Direction, Il coraggio di sognare, scritto da vari autori, che entra oggi tra i primi dieci ed è subito in ottava posizione. Vedremo poi se questa boy band, giunta al successo grazie alla vittoria della settima edizione della versione inglese di X Factor e formata da cinque giovani compresi tra i diciassette ed i diciannove anni, riuscirà a durare nel tempo o se sarà solo una meteora nel panorama musicale mondiale, come già a tanti è capitato.

9.
Clara Sanchez, con La voce invisibile del vento, mantiene il nono posto.
Julia si accorge di non avere più il latte ed esce di casa per acquistarlo, lasciando il suo bambino di pochi mesi alle cure del padre. Dopo un po’ si ritroverà nella sua macchina, da sola, senza più né i soldi né il cellulare, ma soprattutto incapace di ritrovare la strada per tornare a casa. Disperata, comincia a cercare aiuto e incontra un uomo, Marcus, che sembra proprio la persona giusta per risolvere questa terribile situazione: ma sarà veramente buono e disinteressato come vuole sembrare?

10.
Al decimo posto, rientra in classifica, dopo esserne stato lontano per un po’, Diario di una schiappa. La dura verità, di Jeff Kinney. E’ l’ultimo libro, almeno per adesso, dedicato dall’autore alle avventure di Greg Heffley, un vero Giamburrasca dei giorni nostri, impegnato a districarsi tra le mille difficoltà che comporta il diventare grandi e tra le tante e divertenti avventure nelle quali si ritroverà coinvolto suo malgrado.

Ci salutano La dieta Dukan illustrata e La dieta Dukan, entrambi di Pierre Dukan e Neanche con un morso all’orecchio, di Flavio Insinna.

Fonte: www.sienafree.it
Ringrazio il sito e l’autore di questa rubrica, Annamaria Vanni, leggerla è un piacere.


Condividi articolo

Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

Scrivi un commento