Riley Lucinda – Le Sette Sorelle. La storia di Maia (Recensione)

0

Le Sette Sorelle. La storia di Maia è il primo capitolo di una serie di sette romanzi scritti da Lucinda Riley, pubblicato nel 2014. Sette stelle, sette sorelle, sette libri per sette storie, la prima storia è quella di maia che ci accompagna alla ricerca di segreti di famiglia, amori e misteri.

“Questo libro e i successivi della serie sono liberamente ispirati alla mitologia delle “Sette Sorelle” delle Pleiadi, la nota costellazione vicina alla famosa cintura di Orione. Dai Maya ai Greci, fino agli Aborigeni, queste famose stelle sono state raffigurate su antiche inscrizioni e anche citate in versi. I marinai le hanno utilizzate come guida per migliaia di anni e persino un marchio giapponese di auto, Subaru, prende il nome da questa costellazione.” Lucinda Riley

Bellissima eppure timida e solitaria, Maia è l’unica delle sue sorelle ad abitare ancora con il padre ad Atlantis, lo splendido castello sul lago di Ginevra. Ma proprio mentre si trova a Londra da un’amica, giunge improvvisa la telefonata della governante. Pa’ Salt è morto. Quel padre generoso e carismatico, che le ha adottate da bambine raccogliendole da ogni angolo del mondo e dando a ciascuna il nome di una stella, era un uomo di cui nessuno, nemmeno il suo avvocato e amico di sempre, conosceva il passato.

“L’uomo che aveva creato il magico regno in cui eravamo cresciute come principesse non c’era più e insieme a lui era svanito l’incanto.”

Rientrate precipitosamente nella villa, le sorelle scoprono il singolare testamento: una sfera armillare, i cui anelli recano incise alcune coordinate misteriose. Maia sarà la prima a volerle decifrare e a trovare il coraggio di partire alla ricerca delle sue origini. Un viaggio che la porterà nel cuore pulsante di Rio de Janeiro, dove un vecchio plico di lettere le farà rivivere l’emozionante storia della sua antenata Izabela, di cui ha ereditato l’incantevole bellezza.

“Due ore più tardi, dopo aver prenotato volo, hotel e aver preparato in fretta e furia la valigia, lasciai Atlantis. Mentre il motoscafo scivolava sul lago, diretto a Ginevra, pensai che non avrei saputo dire se stessi scappando dal mio passato o gli stessi andando incontro.”

Con l’aiuto dell’affascinante scrittore Floriano, Maia riporterà alla luce il segreto di un amore sbocciato nella Parigi bohémienne degli anni ’20, inestricabilmente legato alla costruzione della statua del Cristo che torreggia maestosa su Rio. Una vicenda destinata a stravolgere la vita di Maia.

“Mi salutò con la mano e lo osservai allontanarsi a passo svelto. Mi incamminai nella direzione opposta, pensando che quell’uomo – storico, scrittore, celebrità e all’occasione guida turistica – era un essere umano davvero sorprendente.”

La storia mi ha catturata sin dalle prime pagine, la lettura è scorrevole, la trama affascinante, si viaggia insieme alla protagonista mettendo in valigia magia, mistero, passato e presente.
Nel libro vengono presentate, con le loro diverse personalità, le altre sorelle: Asterope, Elettra, Taigete, Celeano e Alcyone, manca Merope, la settima stella che non è mai stata adottata, chissà quale mistero si nasconde. Un finale soddisfacente e il passaggio di testimone dell’io narrante è un’ottima idea. Non vedo l’ora di leggere il prossimo libro.

1

Non scorderò mai dov’ero e cosa stavo facendo quando ricevetti la telefonata che mi informò della morte di mio padre.
Sedevo nel grazioso giardino della villetta londinese di una vecchia compagna di scuola, e mi godevo il sole di giugno con una copia del Canto di Penelope aperta pigramente sulle ginocchia; in quel momento la mia amica Jenny era uscita per andare a prendere suo figlio all’asilo.
Decidere di allontanarmi da casa per un po’ era stata un’ottima idea, pensai: finalmente mi sentivo rilassata. Stavo osservando le clematidi che avevano da poco schiuso i petali dei loro boccioli dando vita a un’esplosione rosa, quando il mio cellulare squillò. Abbassai lo sguardo e vidi il nome di Marina sul display.
«Ciao, Ma’, come stai?» risposi, sperando che la mia voce riuscisse a trasmetterle il tepore del sole.
«Maia, ascolta…»
Marina si interruppe e in quel momento capii che doveva essere accaduto qualcosa di terribile.
«Cos’è successo?»
«Maia, non so proprio come dirtelo: ieri pomeriggio tuo padre ha avuto un infarto e stamattina presto… è morto.»
Io rimasi in silenzio, mentre nella mia testa si affollavano milioni di pensieri assurdi. Primo fra tutti che Marina avesse deciso di farmi uno scherzo di cattivo gusto.
«Ho chiamato te per prima, dato che sei la maggiore delle sorelle. E volevo chiederti se preferisci avvertire tu le altre o lasciare che me ne occupi io.»
«Non…»
Non riuscivo a parlare, a poco a poco stavo realizzando che Marina – la cara, adorata Marina, la figura femminile più simile a una madre che avessi mai conosciuto – non mi avrebbe dato una notizia simile se non fosse stata vera. Non era uno scherzo. E quando alla fine me ne resi conto, mi sentii crollare il mondo addosso.
«Maia, ti prego, dimmi che stai bene. È la telefonata più difficile che abbia mai fatto in vita mia, non so cosa dire… Dio solo sa come la prenderanno le ragazze.»
Avvertii il suo dolore e tutt’a un tratto capii che non mi aveva chiamata solo per comunicarmi la notizia: anche lei aveva bisogno di una spalla su cui piangere. Perciò ripresi il controllo della situazione facendo ciò che sapevo fare meglio: confortare me stessa offrendo conforto agli altri.
«Non preoccuparti, Marina, penso io ad avvisarle, anche se non sono sicura di avere con me tutti i recapiti. Se non sbaglio, Ally sta partecipando a una regata…»
Cercammo di trovare un modo rapido per riunire tutta la famiglia, come se dovessimo organizzare una grande festa di compleanno a sorpresa e non una cerimonia funebre. Fu un dialogo surreale.
«Che data potremmo fissare? Con Electra a Los Angeles e Ally in mezzo all’oceano, di certo non prima della settimana prossima» dissi.
«Be’…» avvertii un’esitazione nella voce di Marina «forse la cosa migliore è discuterne insieme quando sarai a casa. Non c’è fretta, Maia, davvero; se vuoi restare un altro paio di giorni a Londra non preoccuparti. Purtroppo ormai non c’è più niente da fare per lui…» la voce le si strozzò in gola.
«Marina, è fuori discussione: arrivo con il prossimo volo per Ginevra! Adesso chiamo la compagnia e ti faccio sapere l’ora esatta. Nel frattempo cercherò di fare il possibile per mettermi in contatto con le altre.»
«Mi dispiace tanto, chérie» disse Marina sospirando. «So quanto lo adoravi.»
«Sì» risposi. La strana calma che mi aveva pervasa mentre organizzavamo la riunione familiare lasciò spazio a una sensazione di vuoto, simile alla quiete prima della tempesta. «Ti chiamo dopo, appena so quando atterra il mio volo.»
«Ti prego, Maia, hai subìto un duro colpo: riguardati.»
Terminai la chiamata e decisi di salire immediatamente in camera per telefonare alla compagnia aerea, prima di cedere alla disperazione. Mentre attendevo in linea, il mio sguardo si posò sul letto in cui mi ero svegliata quel mattino, come un giorno qualunque. Ringraziai il Signore per non aver concesso agli esseri umani il dono di prevedere il futuro.

Serie Sette sorelle è composta da:
Le sette sorelle (The Seven Sisters) (2014)
Ally nella tempesta (The Storm Sister) (2015)
La ragazza nell’ombra (The Shadow Sister) (2016)
La ragazza delle perle (The Pearl Sister) (2017)
La ragazza della Luna (The Moon Sister) (2018)


Condividi articolo

Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

Scrivi un commento