John Grisham – Mistero in aula. Theodore Boone

0

Mistero in aula. Theodore Boone è la sesta avventura di Theo Boone, il tredicenne protagonista di una serie di legal thriller per ragazzi creata da John Grisham, il libro è stato pubblicato il 18 ottobre 2016. Un nuovo caso per l’avvocato più giovane d’America, Theodore Boone, che ha già assicurato numerosi criminali alla giustizia.

“Aveva tredici anni e nessuna voglia di diventare grande. Tutta la settimana era ruotata intorno al futuro, ai test di ingresso alle superiori e ai misteri della prima liceo. A Theo piaceva il posto che aveva già nella vita.”

Pur avendo solo tredici anni, Theodore Boone è già riuscito a dimostrare di poter realizzare il suo più grande sogno: diventare un avvocato. Dotato di un forte senso della giustizia e di un fiuto infallibile, Theo non può fare a meno di mettersi dalla parte dei più deboli. Ma a tredici anni c’è anche un’altra sfida da affrontare: l’esame che stabilisce a quale liceo potrà iscriversi, un test identico in ogni istituto della città, quando i voti finali di una scuola vicina risultano un po’ troppo alti per essere credibili, scoppia uno scandalo che coinvolgerà tutta la comunità di Strattenburg e Theodore in prima persona. Dai risultati però emerge un’anomalia: una delle peggiori scuole di Strattenburg fa riscontrare i voti migliori. E se si trattasse di un imbroglio? Il fiuto di Theo si mette all’opera per scoprire se qualcuno potrebbe aver alterato i risultati, ma questa volta sembra tutto più difficile, perché a rischio non c’è soltanto la sua reputazione di investigatore, ma anche, e soprattutto, il suo futuro…

Questa nuova avventura di Theo sembra preannunciare un cambiamento, lui è cresciuto e la vita si complicherà con l’arrivo dell’adolescenza. Alcuni dicono che questo capitolo perde un poco rispetto ai precedenti, ma resta comunque piacevole e fa venir voglia della prossima avventura.

Theodore Boone si svegliò di pessimo umore. A dire il vero, si era addormentato così la sera prima, ma la notte non aveva migliorato le cose. Con i pochi raggi di sole che illuminavano la stanza, fissava il soffitto cercando di escogitare il modo di sottrarsi all’intera settimana. La scuola di solito gli piaceva (gli amici, gli insegnanti, quasi tutta la classe, i dibattiti), ma certi giorni non si sarebbe mai alzato dal letto. Questa era una di quelle volte, era la settimana peggiore dell’anno. A cominciare dall’indomani – martedì – e fino a venerdì, lui e tutti gli studenti di terza media sarebbero rimasti incollati al proprio banco per affrontare una serie di orribili prove d’esame.


Condividi articolo

Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

Scrivi un commento