Ade e Proserpina: quando la morte cerca l’amore!

0

Il-ratto-di-ProserpinaTutti gli dei dell’Olimpo hanno la loro storia d’amore, tutti tranne uno, Ade, guardiano del regno dei morti che vive sotto terra, circondato da persone non proprio vitali. Ade vive emarginato, veste sempre di nero ( perché il lavoro che fa impone un certo tipo di abbigliamento), ha un colorito un po’ pallido, sguardo severo e triste. Ha tutte le ragioni per essere arrabbiato perché mentre gli altri dei se la spassano in festeggiamenti, lui deve fare i conti con la sua solitudine e l’unico amico che ha è Cerbero, il famoso cane con tre teste dal risaputo carattere non proprio socievole.

Ogni tanto con il suo carro (sempre nero) sale in superficie e spia la vita sulla terra desideroso di farne parte. Ma non può, il suo compito è quello di sorvegliare le anime dei defunti. Che prospettiva meravigliosa! Dimenticavo, essendo un dio, il suo incarico è eterno!

Un giorno però vede una fanciulla, Proserpina, e il suo cuore, abituato alla solitudine e avaro di amore viene colpito…..Per questo incontro d’amore Ovidio sceglie un posto meraviglioso in cui è sempre primavera, i rami danno fresco e la terra produce fiori. E’ la Sicilia Il locus amoenus da lui descritto, esattamente un bosco nei pressi di Enna in cui la bella e ignara ragazza è solita raccogliere viole e gigli.

C’è però un problema, anzi forse più di uno:

1)La ragazza in questione è sua nipote ( la figlia di sua sorella Demetra).
2) Ade non è proprio di bell’aspetto e non sembra una persona rassicurante.
3)E’ il dio dei morti e come tale deve trascorrere il suo tempo negli inferi.

Beh, qualsiasi ragazza rifiuterebbe le avances da un tipo così, mica è Brad Pitt in Joe Black! Ade quindi decide di rapirla e di portarla con sé.
Succede il finimondo: Proserpina grida aiuto, sua madre Demetra, dea della fertilità, rivuole la figlia e minaccia di non far crescere più nulla sulla terra, Zeus (fratello di entrambi e padre della fanciulla) cerca un compromesso. Viene deciso che la ragazza stia 6 mesi sulla terra e 6 mesi con Ade. La pura e leggiadra Proserpina è costretta a stare con un uomo che non ama … ma col passare del tempo divenne gelosa del marito e fece a pezzi le sue rivali in amore.

Morale della storia: L’amore è forte come la morte, la gelosia dura come l’inferno.

Ade e Proserpina di Monia Cannistraci

La foto:  Il “Ratto di Proserpina”, dipinto di Luca Giordano


Condividi articolo

Autore

Avatar

Tra una scuola e l'altra, miscelo brio ed ironia per condividere con voi uno squarcio di me ed il mio più grande diletto....

Scrivi un commento

Pin It on Pinterest

Share This