La classifica dei libri più venduti – 14 Ottobre 2013

2

Periodo di premi, ma questa settimana si è assegnata l’onorificenza di più alto valore mondiale che si possa desiderare, Il Premio Nobel.
Il Nobel per la letteratura 2013 è l’82enne canadese Alice Munro, maestra del racconto breve contemporaneo, come ha sottolineato la motivazione dell’Accademia Reale Svedese nell’assegnarle il premio.

Nata nel 1931 a Wingham, cittadina dell’Ontario, cominciò a scrivere da adolescente. La sua prima novella fu pubblicata mentre era studentessa all’University of Western Ontario nel 1950. Durante gli studi universitari lavorò come cameriera, raccoglitrice di tabacco e impiegata di biblioteca.
Nel 1951, abbandonò la facoltà di Inglese per sposare James Munro e trasferirsi a Vancouver.

“Cominciai a scrivere racconti perché non avevo tempo di scrivere nient’altro, avevo tre bambine”

In Italia è arrivata soltanto nel 1989, riuscendo a conquistare tardivamente anche il nostro Paese.
Personalmente non conosco quest’autrice, ma prometto che rimedierò, credo di aver perso qualcosa nel non leggerla, ma è proprio questa la forza dei libri si è sempre in tempo.

Questa settimana nessuna novità nella classifica, ma solo qualche cambio di posizione, libro che sale e libro che scende.

1.
Raggiunge la prima posizione Marco Malvaldi con Argento vivo, una commedia gialla costruita in modo impeccabile.
C’è una rapina nella casa di uno scrittore molto noto; col bottino, sparisce il computer in cui è salvato il suo ultimo romanzo non ancora consegnato alla casa editrice e incautamente non conservato in altro modo. Da questo momento il file comincia a scivolare come argento vivo sul piano accidentato della sua avventura, e si insinua, imprendibile e vivificante come il metallo liquido degli alchimisti, nel tran tran quotidiano dei tanti e diversi protagonisti. Ognuno dei quali sarebbe per sorte lontanissimo dagli altri, ma si trova coinvolto occasionalmente a causa della deviazione che quel manoscritto ha impresso nella sua esistenza. Il grande scrittore e la moglie; il giovane ingegnere a tempo determinato che lotta con la vita insieme alla affannata compagna; la bella agente di polizia, che conduce l’indagine in competizione con il laido superiore; la banda dei balordi; il tecnico appena disoccupato che c’è capitato per caso; il vecchio editore e la giovane editor. Questa varietà di personaggi, con i loro pezzi di vita, l’autore muove intorno alle eventualità aperte dallo svolgersi dell’inchiesta di polizia, su cui a loro volta gli individui incidono inconsapevoli con le scelte che fanno, creando una commedia degli incroci della vita.

2.
Scende di un gradino, ma sempre sul podio resta Palazzo Sogliano il nuovo romanzo di Sveva Casati ModignaniPremio Baccante 2013, dall’autrice italiana più amata, una nuova, appassionante storia di una grande famiglia, tra amori, luci e ombre, gioie e dolori, successi e fallimenti.
E’ l’ora di cena e in una bella casa a Torre del Greco, tutti attendono l’arrivo del capofamiglia, Edoardo Sogliano, corallaro per tradizione. Purtroppo giunge la telefonata che ne annuncia la morte, gettando nella disperazione la moglie Orsola e i loro cinque figli. Frugando tra le sue carte, Orsola scopre l’esistenza di un figlio segreto, che la sconvolge. Ma in realtà anche lei custodisce un mistero, del quale nessuno sa niente.

3.
Si arrampica fino al terzo posto Erri De Luca, una della voci più intense ed originali della narrativa contemporanea, con Storia di Irene.
E la storia di Irene, cresciuta insieme a due delfini, e promessa in sposa a uno di loro, ed è la storia di una meravigliosa sirena che, non più accetta alla terra, sgualdrina incinta, si sottrae all’uomo che l’ha ascoltata e ora vorrebbe trattenerla, raccontandole a sua volta storie incantatrici. L’incontro fra mare e terra avviene su un’isola stordita dal sole di giorno, martellata di stelle la notte, un luogo miracoloso e crudele che non accetta il mistero di Irene, e della sua bellezza di pesce­fanciulla. “Il cielo in una stalla”. Cinque scampati alle rappresaglie tedesche si trovano in una stalla e devono guadagnare la salvezza attraversando nottetempo il mare che divide Sorrento da Capri (terra liberata). Prendono posto in una barca e a loro si unisce un ebreo che canta la sua preghiera mentre il profilo dell’isola appare nel buio. La storia di questa traversata è il racconto dell’intesa, che nasce fra quell’orante di religione ignota e il padre del narratore, ateo convinto. “Una cosa molto stupida”. Un vecchio, magro magro, senza denti, mal tollerato dalla famiglia sgattaiola fuori dalla casa, malgrado il freddo vento dell’inverno, e va a cercarsi un posto riparato davanti al mare. S’è messo in tasca una mandorla e ora la apre e se la infila, beato, in bocca come un’ostia. Ricorda, a occhi chiusi, quando fu salvato dalle acque, in tempo di guerra, e restituito alla vita.

4.
Scende al quarto posto Benedetta Parodi, con E’ pronto!
L’autrice ha raccolto 250 ricette facili e gustose, che permetteranno, anche a chi ha poco tempo per cucinare, di fare una bella figura con amici e familiari, senza essere ripetitivi e scontati.
Certo la Parodi o si ama o si odia e raramente presenta piatti complessi da gourmet, ma proprio la semplicità e la facilità di esecuzione sono la chiave del successo di queste ricette, come conferma peraltro la posizione in classifica.

5.
Al quinto posto troviamo  Joel Dicker, con il suo giallo La verità sul caso Harry Quebert.
Estate 1975. Nola Kellergan, una ragazzina di 15 anni, scompare misteriosamente nella tranquilla cittadina di Aurora, New Hampshire. Le ricerche della polizia non danno alcun esito. Primavera 2008, New York. Marcus Goldman, giovane scrittore di successo, sta vivendo uno dei rischi del suo mestiere: è bloccato, non riesce a scrivere una sola riga del romanzo che da lì a poco dovrebbe consegnare al suo editore. Ma qualcosa di imprevisto accade nella sua vita: il suo amico e professore universitario Harry Ouebert, uno degli scrittori più stimati d’America, viene accusato di avere ucciso la giovane Nola Kellergan. Il cadavere della ragazza viene infatti ritrovato nel giardino della villa dello scrittore, a Goose Cove, poco fuori Aurora, sulle rive dell’oceano. Convinto dell’innocenza di Harry Ouebert, Marcus Goldman abbandona tutto e va nel New Hampshire per condurre la sua personale inchiesta. Marcus, dopo oltre trentanni deve dare risposta a una domanda: chi ha ucciso Nola Kellergan? E, naturalmente, deve scrivere un romanzo di grande successo.

6.
Stabile in sesta posizione Khaled Hosseini con E l’eco rispose, che esplora con grande profondità i molti modi in cui le persone amano, si feriscono, si tradiscono e si sacrificano l’una per l’altra.
Sulla strada che dal piccolo villaggio di Shadbagh porta a Kabul, viaggiano un padre e due bambini. Sono a piedi e il loro unico mezzo di trasporto è un carretto rosso, su cui Sabur, il padre, ha caricato la figlia di tre anni, Pari. Sabur ha cercato in molti modi di rimandare a casa il figlio, Abdullah, senza riuscirci. Il legame tra i due fratelli è troppo forte perché il ragazzino si lasci scoraggiare. Ha deciso che li accompagnerà a Kabul e niente potrà fargli cambiare idea, anche perché c’è qualcosa che lo turba in quel viaggio, qualcosa di non detto e di vagamente minaccioso di cui non sa darsi ragione. Ciò che avviene al loro arrivo è una lacerazione che segnerà le loro vite per sempre.

7.
Resta stabile anche Valerio Massimo Manfredi, che dopo aver cantato la nascita e la formazione dell’eroe e la guerra sotto le alte mura di Pergamo, dà voce al viaggio più straordinario di tutti i tempi, con Il mio nome è Nessuno. Il ritorno.
Ci sono voluti dieci anni ininterrotti di guerra e di sangue, di amori feroci e di odio inestinguibile, per sconfiggere i Troiani. Ora Odysseo deve rimettersi in viaggio con i suoi uomini per fare ritorno a Itaca, dove lo attendono la moglie fedele e il figlio lasciato bambino. Ma il ritorno è una nuova avventura: Odysseo deve riprendere la lotta, la sua sfida agli uomini, alle forze oscure della natura, al capriccioso e imperscrutabile volere degli dei. Vano è disporre gli animi alla gioia del ritorno: l’eroe e i suoi compagni dovranno affrontare imprese spaventose, prove sovrumane, nemici insidiosissimi come il ciclope Polifemo, i mangiatori di loto e poi la maga incantatrice che trasforma gli uomini in porci, i mostri dello Stretto, le Sirene dal canto meraviglioso e assassino… Il multiforme Odysseo, il coraggioso Ulisse, l’astuto Nessuno dovrà raggiungere i confini del mondo e addirittura evocare i morti dagli inferi, sperimentando lo struggimento più immedicabile al cospetto di chi ormai vive nel mondo delle ombre, e ancora finire su un’isola misteriosa dove una dea lo accoglierà e lo terrà avvinto in un abbraccio dolcissimo e pericoloso per lunghi anni… Poi, finalmente, con il cuore colmo di dolore per i compagni perduti lungo la rotta, ecco compiersi il ritorno. Il giorno dell’esultanza. Il giorno della vendetta…

8.
All’ottavo posto ritroviamo Silvia Avallone,  con Marina Bellezza, romanzo ambientato in Piemonte, luoghi cari all’autrice, troviamo la voglia di riscatto e la determinazione a reinventarsi attraverso la storia tra Marina e Andrea, epopea di un amore infinito ai tempi della crisi.
Marina ha vent’anni e una bellezza assoluta. E cresciuta inseguendo l’affetto di suo padre, perduto sulla strada dei casinò e delle belle donne, e di una madre troppo fragile. Per questo dalla vita pretende un risarcimento, che significa lasciare la Valle Cervo, andare in città e prendersi la fama, il denaro, avere il mondo ai suoi piedi. Un sogno da raggiungere subito e con ostinazione. La stessa di Andrea, che lavora part time in una biblioteca e vive all’ombra del fratello emigrato in America, ma ha un progetto folle e coraggioso in cui nessuno vuole credere, neppure suo padre, il granitico ex sindaco di Biella. Per lui la sfida è tornare dove ha cominciato il nonno tanti anni prima, risalire la montagna, ripartire dalle origini. Marina e Andrea si attraggono e respingono come magneti, bruciano di un amore che vuole essere per sempre. Marina ha la voce di una dea, canta e balla nei centri commerciali trasformandoli in discoteche, si muove davanti alle telecamere con destrezza animale. Andrea sceglie invece di lavorare con le mani, di vivere secondo i ritmi antichi delle stagioni. Loro due, insieme, sono la scintilla.

9.
Il nono posto lo mantiene Giampaolo Pansa un giornalista che non ha paura di esporre le proprie idee, per quanto scomode possano essere.
Sangue, Sesso, Soldi analizza la storia degli ultimi sessanta anni della vita politica italiana, partendo dall’affermazione che furono le donne, col loro voto, a garantire l’iniziale vittoria della Democrazia Cristiana, che pareva garantire quel benessere del quale, dopo l’immane tragedia della Seconda guerra mondiale, sentivano il bisogno. Una rilettura caustica e interessante del passato, che cerca di farci comprendere dove il futuro ci porterà.

10.
Precipita invece il libro Inchiesta su Maria di Corrado Augias che dialoga con un grande studioso di mistica e di storia della religioni, Marco Vannini, per scavare in profondità nella storia e nel mito della Madonna, toccando tutti gli aspetti che mettono Maria al centro dell’esperienza culturale e religiosa della nostra civiltà: le fonti (dai vangeli canonici agli apocrifi), le ipotesi sulla biografia, il rapporto con la condizione femminile nella Palestina di duemila anni fa, con le altre donne della Bibbia e con la mitologia della Grande Madre, la nascita dei dogmi e lo sviluppo del culto, i miracoli e le apparizioni, la presenza costante della Madonna nella cultura e nell’arte.

Fonte: Tuttolibri


Condividi articolo

Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

2 commenti

Scrivi un commento