Il nostro comune amico – Charles Dickens

0

“All’imbrunire il Tamigi è livido e fangoso, e la marea si arrampica lungo i sostegni dei ponti. Nella corrente una barca rasenta chiatte, relitti e tronchi: ai remi, intabarrata in un mantello scuro, c’è una fanciulla dal volto d’angelo; a prua, un uomo con lo sguardo da avvoltoio raccoglie i cadaveri che il fiume restituisce.”

Cosí, con un inizio che Calvino riteneva il più memorabile fra i già memorabili incipit dickensiani, comincia Il nostro comune amico (Our Mutual Friend), un romanzo dell’autore inglese Charles Dickens, pubblicato mensilmente su alcuni fascicoli dal 1864 e 1865.
Alcune pagine di questo manoscritto vennero perse da Dickens durante un incidente ferroviario in cui, nel 1865, il treno che sta portando l’autore a Londra, partito dal porto di Folkestone, deragliò a Staplehurst, ma diversi fogli furono recuperati dallo scrittore. Dell’incidente si parla nel poscritto del libro.

Il romanzo è diviso in quattro libri: “La coppa e il labbro”, “Gente dello stesso stampo”, “Un lungo cammino” e “Una svolta”.

Due vicende s’intrecciano: quella del giovane Harmon, legittimo erede delle fortune paterne di cui non riesce a entrare in possesso, e la storia dell’avvocato Eugene innamorato di Lizzy. Fra tentati omicidi, cadaveri ripescati nel Tamigi, clausole legali e riconciliazioni finali, l’atmosfera del romanzo è dominata dal cupido potere del denaro.

Trama (non leggere se non vuoi sapere come va a finire):
Durante un viaggio all’estero, John Harmon scopre di aver ereditato un fortuna in seguito alla morte del padre, un ricco imprenditore, ma con una condizione: se non sposerà Bella Wilfer, una donna che John non conosce, la somma verrà ricevuta dai coniugi Boffin, ex-domestici del padre.
Mentre sta tornando in Inghilterra, durante il viaggio per nave egli confida ad un ufficiale di bordo l’idea di assumere una falsa identità per conoscere Bella prima dell’eventuale matrimonio, ma l’ufficiale cerca di ucciderlo per derubarlo; rimane però ucciso e il suo cadavere scivola nel Tamigi (la lotta è infatti avvenuta nei pressi di questo fiume) e viene scambiato per il corpo di Harmon, il quale è invece vivo e vegeto.
Quest’ultimo approfitta dell’accaduto per realizzare la sua idea di cambiare identità e nome: rintracciati i Boffin, i quali hanno intanto ricevuto l’eredità a causa della falsa notizia della morte di John, riesce a farsi assumere come loro segretario con lo pseudonimo di Rokesmith. Quest’ultimo fa conoscenza di Bella, la quale è adottata dai Boffin: è frivola ma in fondo buona e anche affascinante ed egli se ne invaghisce.
I Boffin hanno frattanto capito la vera identità di Rokesmith, ma vogliono segretamente mettere Bella alla prova: fingendo una durezza, un’avarizia e una venalità che non sono mai stati presenti in loro licenziano il loro segretario. Bella supera la prova: comprendendo che le ricchezze possono nuocere se cadono nelle mani di alcune persone, fugge e, avendo capito che il suo spasimante è un uomo pieno di virtù, lo sposa. I Boffin svelano infine il loro piano ai due sposi e si riappacificano con essi.
Inoltre, a questo racconto s’intrecciano le vicende del giovane avvocato Eugene Wrayburn, il quale s’è invaghito di Lizzy Hexam, il cui padre per mestiere ripesca cadaveri dal Tamigi (è quello che, fra l’altro, trova nel primo capitolo del libro il presunto cadavere di Harmon). Eugene è vittima di un tentativo di assassinio da parte del suo rivale in amore, un malvagio insegnante, ma verrà salvato dalla sua innamorata, che lo sposa nonostante le sue disperate condizioni di incertezza tra vita e morte. Dopo del tempo egli guarisce e vive felicemente con la dolce Lizzy.


Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

Scrivi un commento

Pin It on Pinterest