John Grisham – La ragazza scomparsa. Theodore Boone

0

La ragazza scomparsa. Theodore Boone è il secondo capitolo della serie legal thriller per ragazzi creata da John Grisham, il libro è stato pubblicato dalla Mondadori nel 2011.

“Un’ora dopo, Theo parcheggiò la bici davanti a scuola ed entrò riluttante al suono della campanella delle otto e un quarto. Nell’atrio principale fu immediatamente avvicinato da tre ragazze dell’ottavo anno che gli chiesero in lacrime se sapeva qualcosa di April. Rispose di sapere solo ciò che era stato riferito dai telegiornali del mattino.”

Grisham ci racconta le avventure di Theodore Boone. Figlio di avvocati, guidato dall’anziano zio, questa volta aiuterà la polizia a ritrovare April, sua compagna di scuola misteriosamente scomparsa.
Qualcuno l’ha rapita nel cuore della notte, e l’ultimo ricordo che Theodore Boone ha di lei è la telefonata della sera prima. Perché April si sente sola, e spesso trova conforto dalla sua difficile vita familiare nelle lunghe chiacchierate con lui. Theo, tredicenne avvocato in erba, è sempre pronto a intervenire: ma ora è disposto a rischiare tutto, visto che il rapimento riguarda la sua migliore amica e il sentimento che lo muove è forse qualcosa di più che l’amore per la giustizia.
La polizia sembra non avere indizi, finché dalla vita di April non emerge Jack Leeper, un parente evaso di prigione.
E nel frattempo dalle acque del fiume viene ripescato un corpo misterioso. Il malvivente è coinvolto nel rapimento? E soprattutto, April è ancora viva? Mai come ora Theodore Boone dovrà sfoderare tutto il proprio coraggio per risolvere il caso più importante della sua giovane carriera, prima che sia troppo tardi.

“Durante la giornata a scuola, i ragazzi avevano discusso e litigato sul modo in cui organizzare una caccia all’uomo con tutti i crismi. Nessuno aveva mai preso parte a una ricerca del genere, ma tale mancanza di esperienza non era mai stata menzionata né ammessa. Quasi tutti, Theo compreso, avevano parlato come se sapessero esattamente cosa fare.”

Le recensioni sono quasi tutte positive, l’aria che si respira è quella della speranza nella giustizia. Un libro che non ha la complessità, la violenza ed il linguaggio dei legal thriller per adulti, ma nel quale non mancano i colpi di scena. La storia è scorrevole ed essendo ambientata ai nostri giorni di avvale anche di gadget tecnologici che i lettori dell’età di Theo sicuramente apprezzeranno.

Capitolo 1
Il rapimento di April Finnemore era avvenuto nel cuore della notte, tra le nove e un quarto di sera, ora in cui la ragazza aveva parlato al telefono con Theo Boone, e le tre e mezzo del mattino, quando sua madre era entrata in camera da letto e si era resa conto che la figlia non c’era.
Il rapimento sembrava essere stato precipitoso: chiunque avesse portato via April non le aveva lasciato il tempo di prendere le sue cose. Il portatile era ancora al suo posto e, benché la stanza fosse piuttosto in ordine, c’erano alcuni indumenti sparsi in giro, il che rendeva difficile stabilire se la ragazza fosse riuscita a prepararsi un bagaglio. Probabilmente no, riteneva la polizia. Lo spazzolino da denti era ancora sul lavabo e lo zaino vicino al letto. Il pigiama era sul pavimento, quindi se non altro le era stato consentito di vestirsi. La madre, nei momenti in cui non piangeva o singhiozzava, informò gli agenti che la felpa bianca e blu, la preferita di sua figlia, non era nella cabina armadio. Ed erano sparite anche le sue sneaker preferite.
I poliziotti scartarono subito l’idea che la ragazza fosse scappata di casa. Non ne avrebbe avuto motivo, assicurò la madre. E poi April non aveva portato con sé le cose che avrebbero potuto facilitarle la fuga.


Condividi articolo

Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

Scrivi un commento