Gibran Kahlil – Il Profeta

4

il-profetaIl Profeta, capolavoro di Kahlil Gibran, è un poema dedicato alla bellezza del mondo.

“Se il maestro è saggio veramente, non vi offrirà di entrare nella casa della propria sapienza; vi condurrà fino alla soglia della vostra mente”

Pubblicato a New York nel 1923, dall’autore libanese immigrato negli Stati Uniti, “Il Profeta” viene subito accolto con grande favore di pubblico soprattutto presso i giovani, ha ispirato intere generazioni di giovani di ogni età, attraverso il fascino del linguaggio poetico e la semplicità di una filosofia dal piede leggero e a distanza di tanti anni l’interesse è rimasto immutato.
Il clima sospeso e rarefatto, il ritmo incantatorio di una scrittura lirica di presa immediata, incisiva e visionaria, l’incontro tra due opposte culture, l’orientale e l’occidentale, sono la cifra di uno stile inconfondibile.
Dopo alcuni anni trascorsi in terra straniera, dove ha trascorso lunghi anni di esilio, Almustafa (ovvero l’eletto di Dio), sente che è giunto il momento di fare ritorno all’isola nativa, lascia al popolo della città di Orphalese il dono della sua saggezza.
I temi rispondono a richieste specifiche degli ascoltatori, e toccano questioni universali, insieme semplici e profonde: il Matrimonio, l’Amicizia, il Tempo, il Bene e il Male, il Mangiare e il Bere, il Dolore, la Bellezza.

Questo libro che mi è stato regalato da un’amica tanti anni fa e gliene sarò sempre grata, è un libro che andrebbe letto non solo da chi è credente ma anche da chi non lo è, perché le riflessioni sui temi trattati vanno oltre l’orientamento religioso o l’essere atei, ma sono universali.

Mia nonna materna, donna all’antica molto credente, chiude spesso la discussione dicendo “sia fatta la sua volontà”, frase che non so perché mi irrita pensando alle cose brutte che ci sono al mondo, ma poi ho riflettuto sul fatto che io dico spesso “che bisogna accettare che la natura segua il suo corso” , non è forse la stessa cosa?

Il libro offre degli spunti di riflessione, chiunque di noi si è posto determinate domande e indipendentemente dal fatto che le risposte del profeta posso piacere o no danno comunque stimolo per riflettere.

il-profeta-1-fCome cita il Profeta stesso:

Non è religione ogni riflessione e ogni atto?
E ciò che non è atto o riflessione, ma meraviglia e sorpresa che di continuo sgorgano nell’anima, anche mentre le mani spaccano la pietra o attendono al telaio?
La vostra vita quotidiana è il vostro tempio e la vostra religione.
Ogni volta che vi entrate portate tutto con voi.
Portate l’aratro e la forgia e il maglio e il liuto,
E ogni cosa che avete costruito per bisogno o diletto.

 


Condividi articolo

Autore

Ketty

Appassionata di tutto e di niente, cerca quotidianamente di combattere la sindrome da "Nessuna ne fa e cento ne pensa". Non essendo ancora riuscita a scoprire cosa farà da grande, non le resta che provare ... un giorno scoprirà il suo talento!

4 commenti

  1. La tua recensione appassionata mi ha fatto venir voglia di leggere il libro. Domani vado a comperarlo. L'autore mi era noto, ma non ho mai letto niente di lui. Ora sono stimolata a farlo.

Scrivi un commento